I germogli

 Da: Ricette per le 5 stagioni

Giuseppe Sivero - Shiatsu Milano Editore

copertina_libretto1.jpg

Facili da produrre, contengono grandi quantità di proteine (fino al 35%), vitamine (un aumento fino al 1400%) e sali minerali (calcio, magnesio e altri). Non perdono in contenuto nutritivo nel tempo, sono facilmente assimilabili, alcalinizzanti e ricchi di enzimi metabolici vitali.

Sono, insomma, degli ottimi integratori alimentari che aiutano a combattere i radicali liberi e a far funzionare meglio tiroide, reni, polmoni e fegato. Ne bastano piccole quantità giornaliere per ottenere un’ottima integrazione all’alimentazione quotidiana.

In oriente si parla di germogli fin dal 5000 a.c. per le loro proprietà antinfiammatorie, e nel “Shen Nong Ben Cao Jing” (Classico sulle Radici di Erbe del Contadino Divino, 2800 a.c.) vengono raccomandati per disturbi digestivi, dolori vari e malattie della pelle.

Nella fermentazione si liberano una grande quantità di enzimi, proteine che hanno il compito di agevolare reazioni chimiche indispensabili per tutti i processi metabolici come per es. la digestione e la rigenerazione dei tessuti.

Inoltre vengono rese disponibili sostanze di difficile assimilazione: la fermentazione scinde legami molecolari che il processo digestivo non riesce a scindere moltiplicando la presenza di minerali negli alimenti.

come-fare-verdure-fermentate.jpg

Germogliazione in un barattolo di vetro

Sterilizzare il barattolo di vetro. Più grossi sono i semi e più grosso deve essere il barattolo.

Mettere i semi nel barattolo, ricoprirli con due o tre dita d'acqua (per i semi più mucillaginosi, come quelli di rucola o di lino, è possibile omettere l'ammollo) e lasciarli in ammollo da 6 a 24 ore in base alla grossezza.

Mettere il barattolo al buio, ricoperto da un telo ma senza coperchio.

Trascorso il tempo necessario, ricoprire con una retina fine (ad esempio una garza), da fissare con un elastico in modo che i semi possano essere scolati facilmente capovolgendo il barattolo.

I semi dovranno essere risciacquati 2 o 3 volte al giorno, coprendoli di acqua e mettendo il barattolo inclinato in modo che tutta l’acqua possa uscire.

Il barattolo va conservato in un posto poco luminoso ed esposto alla luce del sole per alcune ore prima di iniziare a consumarne il contenuto.

I germogli inizieranno a spuntare dopo 1 o 2 giorni e saranno pronti dopo 3-5 giorni a seconda dei semi di partenza, della temperatura e dell’umidità dell’ambiente.

Potranno essere conservati in frigorifero in un contenitore dai 5 ai 7 giorni senza problemi.

Salsa_di_soia.jpg

Germogliazione nella bambagia

Questo tipo di germogliazione è più indicato per i semi più grossi (ceci, fagioli ecc.)

Ammollare i semi per 24 ore.

Mettere uno strato di bambagia su un piatto piano, inumidirla e aggiungere i semi scolati.

Tenere la bambagia umida (non bagnata) fino a quando i semi non sono germogliati.

 Germogli bambagia

Tags: Ricette